Scegli il tuo paese o regione.

Casa
notizia
Telescopio spaziale guidato dal Regno Unito per rilevare di cosa sono fatti gli esopianeti

Telescopio spaziale guidato dal Regno Unito per rilevare di cosa sono fatti gli esopianeti

2020-11-16

UK-led space telescope to detect what exoplanets are made of

È soprannominato il rilevamento atmosferico di grandi pianeti extrasolari a infrarossi con rilevamento a distanza, o Ariel.

A seguito di finanziamenti governativi, gli istituti di ricerca britannici - tra cui l'UCL, lo spazio RAL del Science and Technology Facilities Council (STFC), il dipartimento di tecnologia e il centro tecnologico di astronomia del Regno Unito, l'Università di Cardiff e l'Università di Oxford - svolgeranno un ruolo fondamentale nella missione.

L'obiettivo di Ariel è comprendere i collegamenti tra la chimica di un pianeta e il suo ambiente tracciando 1.000 pianeti conosciuti al di fuori del nostro Sistema Solare. L'Agenzia spaziale britannica (UKSA) prevede che questo fornirà agli scienziati un quadro più chiaro di cosa sono fatti gli esopianeti, come si sono formati e come si evolveranno.


Ad esempio, Ariel potrebbe essere in grado di rilevare i segni di ingredienti ben noti nell'atmosfera dei pianeti come vapore acqueo, anidride carbonica e metano. Rileverà anche composti metallici per decifrare l'ambiente chimico complessivo del sistema solare distante.

Per un numero selezionato di pianeti, afferma l'UKSA, Ariel eseguirà anche un'indagine approfondita dei loro sistemi nuvolosi e studierà le variazioni atmosferiche stagionali e giornaliere.

"Siamo la prima generazione in grado di studiare pianeti attorno ad altre stelle", ha affermato la professoressa Giovanna Tinetti, Principal Investigator per Ariel dell'University College di Londra. “Ariel coglierà questa opportunità unica e rivelerà la natura e la storia di centinaia di mondi diversi nella nostra galassia. Ora possiamo intraprendere la fase successiva del nostro lavoro per trasformare questa missione in realtà ".

Una volta in orbita, Ariel condividerà i suoi dati con il grande pubblico.

Nella foto sopra c'è un esempio di spettro che Ariel potrebbe misurare dalla luce che passa attraverso l'atmosfera di un esopianeta.

Ariel è stato sottoposto a un processo di revisione per tutto il 2020 ed è ora previsto per il lancio nel 2029.

"Grazie al finanziamento del governo, questa ambiziosa missione guidata dal Regno Unito segnerà il primo studio su larga scala dei pianeti al di fuori del Sistema Solare e consentirà ai nostri scienziati spaziali di primo piano di rispondere a domande critiche sulla loro formazione ed evoluzione", ha affermato il ministro della Scienza Amanda Solloway.

"È una testimonianza del brillante lavoro dell'industria spaziale britannica, dei nostri incredibili scienziati e ricercatori guidati dall'University College di Londra e RAL Space e dai nostri partner internazionali che questa missione sta" decollando ". Non vedo l'ora di vederlo progredire verso il lancio nel 2029 ".

Circa 4.374 mondi sono stati confermati in 3.234 sistemi dalle prime scoperte di esopianeti nei primi anni '90, afferma l'UKSA.

Immagini: ESA / STFC RAL Space / UCL / UK Space Agency / ATG Medialab

Informazioni calde

Switch MIPI 2: 1 per 2x dati + 1x clock D-PHY o 2x C-PHY
Chiamato PI3WVR628, è un interruttore a sei canali unipolare, a doppia via (SPDT) che supporta due ...
Sarà istituito il RAF Space Command, che verrà lanciato in Scozia
Il Primo Ministro ha annunciato la spesa di 24,1 miliardi di sterline, nei prossimi 4 anni, per la d...
Prodotto nel Regno Unito: connettore da 60A con passo 8,5 mm
“Ciò significa che le applicazioni come la ricarica della batteria possono essere indirizzate senz...
HV DC via terra, aria e mare
Gli alimentatori CC da 3 kW ad alta tensione (HV) offrono un ingresso da 90 a 264 V CA e una scelta ...
LDO a basso rumore 300mA è 1 x 1 mm
Ci sono 32 prodotti nella serie TCR3RM, come sarà noto, con uscite fisse singole comprese tra 0,9 e...